A differenza di molti oncologi, le lacrime che il dottor Thomas Roberts vedeva spesso nel suo studio erano quelle di gioia.

Ai suoi pazienti era stato detto che avevano meno di sei mesi di vita. Ma Roberts, allora un collega specializzato nella cura del cancro ai polmoni presso il Dana-Farber Cancer Institute, è stato in grado di dare a molti una prospettiva di vita in più. Poiché avevano alcune mutazioni genetiche nei loro tumori, poteva promettere loro almeno un altro anno e spesso tre, cinque o più.

Questo, dice, è il potere del sequenziamento genetico.

Nell’ultimo decennio, l’abbinamento delle mutazioni genetiche del tumore e del paziente con i trattamenti è decollato.

#sequenziamento #del #DNA #migliora #trattamento #del #cancro #rimane #sottoutilizzato #Perché

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *